BARBARA HUGHES
  Milano 
  Italy
  +39 339 54 84 134
  http://www.barbara-hughes.com

Sono nata a Roma nel 1967 con una gran voglia di capire e conoscere l’animo umano e le sue sfaccettature. Sin da bambina mi sono sempre chiesta: chi fossi, da dove venivo e il significato stesso della vita.
Ho avuto sempre la passione per la pittura e la recitazione. Mi sono dedicata alla recitazione dal 1986 al 1996 recitando in più’ di 40 performance (ed un film), in diversi Teatri Italiani tra i quali i romani Eliseo ed il Teatro de’ Servi. Attraverso la recitazione ho sperimentato l'animo umano e la sua psicologia in modi che non avrei mai potuto altrimenti. Entravo nella coscienza di un personaggio per capire come ci si sente a vivere in diverse condizioni umane e ciò che spinge ciascuno di noi a comportarsi in un certo modo piuttosto che in un altro. Attraverso i diversi personaggi che ho interpretato, ho scoperto qual è il mio vero carattere, dato che fino ad un certo punto nella mia vita, ho vissuto come se fossi stata un'altra invece che me stessa. Ero fondamentalmente timida ed il teatro è stato per me veramente terapeutico: e' stata la chiave di apertura al mio vero se.
La pittura invece e’ stata sempre il mio intimo compagno di viaggio. Con la forma ed il colore esprimo la mia risposta emotiva ai mali di una società troppo materialistica, che provoca la distruzione del rispetto e della solidarietà con gli altri ed inoltre ci allontana dalla vera Consapevolezza del nostro Essere.
La pittura si trasforma nello strumento per eccellenza per incanalare le mie energie e la voglia di comunicare le esperienze di vita sin qui fatte, anche molto spesso dolorose, ma che in realtà’ si rivelano un Dono e che accelerano la “presa di coscienza” della vera “Realtà’ Ultima, Eterna ed Universale”. In questa dimensione traspare una forte fiducia nel futuro, la speranza di un Risveglio dell’anima in ciascuno di noi e la presa di coscienza spirituale che tutti noi possiamo ed abbiamo la responsabilità’ di dare il proprio contributo condividendo il ns. “Viaggio” con gli altri.
L’uso del colore e' istintivo, materico, energetico. L'arte e' il risultato finale della riconnessone alla “Fonte primaria” e diventa mezzo attraverso il quale desidero condividere la visione della bellezza della vita, della gioia, della speranza la conferma che il “salto quantico” in una nuova dimensione più Alta e' possibile per ognuno di noi. L'arte non deve essere intellettualizzata, limitandola in schemi predefiniti e razionalistici, al contrario deve essere liberata dalla “mente” affinché' diventi il mezzo in cui ognuno può' incontrare il Dio che e' in noi.

Dal 2010 faccio parte le movimento neo-relazionista